Un nome melodioso

Yim Wing Tsun sposò il suo fidanzato Leung Bok Chau. Egli, che aveva praticato il
Kung Fu, non ascoltava la moglie quando questa gli parlava della sua arte marziale,
credendo che una donna fosse troppo debole per poter essere considerata una
pericolosa rivale per un uomo. Una volta, però, Wing Tsun ebbe finalmente
l'opportunità di dargli una dimostrazione pratica della sua abilità, e da allora, ogni
volta che combattevano insieme, essa riusciva a sconfiggere il marito. Solo a quel
punto egli riconobbe che sua moglie era una grande maestra di arti marziali, e per
renderle omaggio chiamò questo sistema di Kung Fu, "WingTsun Kuen", che tradotto
suonerebbe piu o meno così: "Il pugno della Bella Primavera". Leung Bok Chau si
allenò regolarmente con la moglie fino a diventare egli stesso un Maestro di
quest'arte marziale. Più tardi egli trasmise questo sistema a Leung Lan Kwai, un
ortopedico ed erborista che non voleva rendere pubbliche le sue conoscenze di Kung
Fu, tenendole gelosamente per se. Nemmeno i suoi parenti e gli amici più intimi
sapevano che egli fosse un Maestro di Kung Fu. Il suo segreto venne svelato solo
quando egli sbaragliò un gruppo di picchiatori che aveva attaccato un uomo solo. Se
Leung Lan Kwai non fosse stato costretto in quel momento a mostrare la sua abilità,
la storia del WingTsun sarebbe forse finita qui. Così invece successe che egli trasmise
il suo sapere a Wong Wah Bo, un attore che faceva parte di una compagnia teatrale.
All'epoca tutti gli attori dell'opera venivano chiamati "I giovani della giunca rossa".
Leung Lan Kwai originariamente non aveva alcuna intenzione di insegnare ad altri
questo sistema, ma l'onestà e il senso della giustizia di Wong Wah Bo lo distolsero dal
suo proposito ed egli lo accettò come allievo. A quei tempi la maggior parte dei
"giovani della giunca rossa" si occupava di arti marziali. Durante le loro
rappresentazioni si truccavano così pesantemente da diventare irriconoscibili. Per
questo motivo anche iI Maestro buddista Chi Shin, uno dei Cinque Anziani del
monastero Shaolin, che come la monaca Ng Mui era scampato al grande incendio,
assunse l'identità di cuoco su una "giunca rossa", per evitare di essere riconosciuto ed
arrestato.
Sebbene egli avesse nascosto la sua vera identità per lungo tempo, si confidò ad
alcuni colleghi che non lo tradirono, ma che, al contrario, lo protessero ripetutamente
con successo nelle situazioni pericolose. Erano tutti degli uomini dagli ideali onesti,
e, soprattutto erano contro il governo dei Manciù. Per questo si impegnavano
segretamente a far crollare questo regime, fondando delle società segrete che
intraprendevano azioni contro di esso. In questo modo Master Chi Shin divenne il
loro eroe. Egli insegnò loro l'arte del combattimento e, per prepararli all'imminente
lotta contro i Manciu, li istruì nel Kung Fu del monastero Shaolin. Degno di essere
menzionato tra gli allievi del Maestro Chi Shin era Leung Yee Tei. Egli si trovava
sulla giunca rossa non in qualità di attore, ma di marinaio e governava la giunca con
l'aiuto di una lunga pertica. È chiaro, per questo, che tra tutte le tecniche offerte dal
Master Chi Shin, quella che egli preferiva era la tecnica con i bastoni lunghi. Leung
Yee Tei ebbe molta fortuna, poiché Il maestro Chi Shin, uno dei pochi esperti dei
bastoni lunghi, lo ritenne degno di apprendere tali tecniche. In questo modo accadde
che Wong Wah Boh scambiò le tecniche del Wing Tsun con quelle del bastone lungo
di Leung Yee Tei, così grazie a quest'ultimo, le tecniche con il bastone lungo
trovarono accesso al sistema WingTsun.