La prima allieva

Le difficoltà in cui si trovò il padre di Yim Wing Tsun lo costrinsero quindi a
rifugiarsi ai confini delle province Szechwan e Yunnan, sul monte Tai Leung. Yim
Wing Tsun crebbe e divenne una ragazza bella ed intelligente, ma la sua bellezza ed
affabilità sarebbero state anche la fonte di gravi problemi. Infatti in quel luogo viveva
un noto attaccabrighe che si chiamava Wong, il quale cercava continuamente di
provocare liti. Purtroppo gli abitanti del villaggio non sapevano difendersi da lui,
visto che egli era un esperto di Kung Fu e che apparteneva ad una società segreta.
Attratto dalla bellezza di Yim Wing Tsun, egli la chiese in sposa. Wing Tsun, però,
era già stata promessa sin dall'infanzia ad un giovane di nome Leung Bok Chau, un
mercante di Fuchia. Wong le mandò un messaggero, fissandole una scadenza e
minacciandola di usare violenza nel caso in cui ella lo avesse respinto. Padre e figlia
vivevano quindi nel timore per il loro futuro. Con l'andare del tempo Ng Mui era
diventata cliente abituale di Yim Lee e spesso si intratteneva con i due. Un giorno,
ella si rese conto che erano tormentati da grandi preoccupazioni. Yim Lee le raccontò
ogni cosa e Ng Mui, che era dotata di spiccato senso della giustizia, decise di aiutare
Wing Tsun. Ella però non desiderava punire personalmente il malfattore, da un lato
per non far scoprire la sua vera identità, e dall'altro perché un combattimento tra lei,
la famosa maestra del monastero Shaolin ed uno sconosciuto picchiatore, sarebbe
stato considerato sleale ed inglorioso. Servirsi della forza dell'aggressore e rivolgerla
contro di lui può sembrare inizialmente un concetto difficile da mettere in pratica. In
realtà una volta addentrati nei principi del WT risulta del tutto naturale, rivelandosi
l'unico metodo logico per non farsi sopraffare da aggressori fisicamente più forti!
Per questi motivi volle aiutare Yim Wing Tsun trasmettendole l'arte del
combattimento. Dopo soli tre anni di lezioni individuali, la giovane ragazza
padroneggiava perfettamente il metodo che le era stato mostrato. Dopo
l'addestramento Ng Mui la mandò di nuovo da suo padre. Non appena Wing Tsun fu
ritornata al villaggio, fu molestata dal picchiatore Wong. Questa volta ella non
scappò, ma lo sfidò in un duello. L'attaccabrighe era sicuro della sua vittoria e già si
rallegrava all'idea di aver finalmente conquistato la ragazza. Purtroppo per lui, però,
aveva fatto male i calcoli poiché Wing Tsun lo sconfisse. Dopo questa vittoria,Wing
Tsun continuò ad esercitarsi nel combattimento finché Ng Mui decise di mettersi di
nuovo in viaggio e continuare la sua fuga.
Yim Wing Tsun fu esortata a vivere secondo le regole Shaolin, trovare un degno
successore e a istruire solo allievi giusti.